Il rilievo di un impianto industriale può richiedere molti giorni e rappresentare un costo non indifferente per l’azienda. Questo accade quando la scelta della tecnologia da impiegare ricade su soluzioni tradizionali e standard, ovvero non su misura. Il cliente non disponeva di una documentazione in grado di riflettere accuratamente l’As-is del suo impianto industriale e pertanto necessitava di un referente competente per effettuare un rilievo ampio e accurato. Specializzata nella produzione di sostanze chimiche, l’azienda richiedeva la mappatura dell’intera area produttiva. Con il nostro partner 3Units Technology abbiamo rilevato un’area complessiva di 160.000 m2.

Per rilevare l’impianto industriale, non abbiamo optato per una soluzione ordinaria, ma abbiamo messo in campo un rilievo integrato, che ha permesso di digitalizzare l’esistente in poco tempo, senza compromessi in fatto di accuratezza e affidabilità. Oltre alla vastità dell’impianto chimico, abbiamo dovuto considerare la complessità dello stesso. Il rilievo integrato con tecnologia SLAM ha semplificato il lavoro, richiedendo unicamente due giorni per concludere la mappatura. L’introduzione di un mobile laser scanner in un ambiente industriale ci ha permesso di muoverci velocemente e in totale sicurezza durante tutte le fasi del rilievo.

Laser scanner mobile con tecnologia SLAM, topografia d’appoggio e georeferenziazione

 

Come prima attività abbiamo impostato una poligonale topografica sull’intera area per poi battere i vertici di georeferenziazione e materializzare i punti di controllo necessari a consolidare l’elaborazione e garantire l’accuratezza richiesta per la nuvola di punti.

Il nostro strumento, dotato di doppio sensore LIDAR e 4 camere Full HD, ha garantito l’acquisizione di una dato (nuvola di punti) estremamente denso ed omogeneo. Indossandolo, uno dei quattro operatori attivi sul campo ha potuto beneficiare di un dispositivo leggero ed ergonomico, che gli ha consentito di operare da terra per tutte le operazioni di rilievo.

La restituzione

Dal rilievo di un impianto industriale al Digital Twin

Terminato il rilievo dell’impianto industriale, ci siamo dedicati alla fase di post-elaborazione e alla successiva creazione del data set finale. Abbiamo processato i dati da mobile laser scanner introducendo le coordinate dei punti di controllo precedentemente acquisiti, per verificare e correggere la traiettoria finale. Infine li abbiamo riprocessati per ottenere la nuvola di punti complessiva.

area complessiva
160.000 m²
operatori
4
mobile scanner
1
giornate di lavoro
2

Filtrato, pulito e colorato, abbiamo pubblicato e reso accessibile l’intero dataset, cosicché il cliente potesse consultarlo direttamente dalla piattaforma web dedicata. Qui i dati tridimensionali della nuvola di punti hanno trovato completamento nelle immagini fotografiche sferiche ad alta risoluzione. Abbiamo geotaggato ogni elemento e asset d’interesse, collegando alle coordinate dell’oggetto rilevato ulteriori informazioni come ID, parametri e caratteristiche. Dal dataset 3D così dettagliato abbiamo estratto modelli tridimensionali di piping, equipment, pipe rack. Tutto questo ha partecipato alla costituzione del Digital Twin, inteso come rappresentazione virtuale dell’impianto industriale.